Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1219 - Pozzo dei Blocchi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo dei Blocchi
Nome principale sloveno
Numero catasto 1219
Numero catasto storico 4155VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta
Carta CTRN 1:5.000 110063 - Borgo Grotta Gigante
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5062613,5
Longitudine Gauss-Boaga 2425562,5
Latitudine WGS-84 45° 42' 37,5362" (45,71042673)
Longitudine WGS-84 13° 47' 11,8332" (13,78662032)
Latitudine UTM WGS-84 5062590,6
Longitudine UTM WGS-84 405556,5
Quota ingresso 288
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione 4° gruppo riposizionamento regionale GPS (2005)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 19.5
Dislivello totale 19.5
Quota fondo 268.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'imbocco della cavità, piuttosto angusto e parzialmente occluso da massi, si apre al limite di una radura.
Una piccola nicchia si apre nella parete Sud del pozzo d'accesso, il fondo del quale è dato da una piccola sala dal suolo cosparso di detriti. A SSE ci sono tre aperture affiancate: la prima porta ad una stanzetta in discesa sul cui fondo si scorge un pertugio parzialmente otturato che potrebbe portare a nuove prosecuzioni; la seconda apertura è piuttosto stretta e dà su di un breve salto, forse 1m, chiuso da pietrame; la terza porta ad una serie di piccoli salti che portano rapidamente al punto più profondo della grotta. Il tratto finale (punti 4-6-7 del rilievo) è difficilmente accessibile a causa di una serie di lame concrezionate che formano ponti, spuntoni e strozzature costellate dai caratteristici "fiori di grotta". In fondo alla cavità (punto 5), sulla parete, c'è la scritta : "SAG FL 20/01/1960", la quale indica che la grotta era stata esplorata, forse per la prima volta, già allora. Da alcune fessure non individuate soffia una leggera corrente d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 19-03-1963
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso