Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1189 - Grotta presso il Quadrivio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso il Quadrivio
Nome principale sloveno
Numero catasto 1189
Numero catasto storico 4110VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5063589,3
Longitudine Gauss-Boaga 2421751,6
Latitudine WGS-84 45° 43' 7,2393" (45,71867757)
Longitudine WGS-84 13° 44' 14,9071" (13,73747419)
Latitudine UTM WGS-84 5063566,5
Longitudine UTM WGS-84 401745,6
Quota ingresso 225
Data esecuzione posizione 01-09-2006
Affidabilità posizione 5° gruppo riposizionamento regionale GPS (2006)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 4m x 3m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7.1
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Autore posizione Grillo Barbara
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 51
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 39.5
Dislivello totale 39.5
Quota fondo 185.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ampio ingresso della grotta si apre presso un incrocio di carrarecce tra Prosecco e la linea ferroviaria per Opicina, sulla destra del sentiero che da Prosecco porta a Sgonico, in terreno pianeggiante di bosco rado, presso il muretto che delimita il lato S di una dolina.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, dalle pareti scagliose, porta davanti al basso portale di una caverna in discesa, invasa da un ammasso di detriti; all'estremità di questa sale un ripido cunicolo terroso di breve sviluppo. Sotto il pozzo, risalendo per qualche metro la parete meridionale, si giunge ad una piccola nicchia, dove da un piccolo foro esce una leggera corrente d'aria.
Oltrepassato il cunicolo artificiale, si discende in un minuscolo pozzetto dal fondo obliterato da argille e depositi calcitici. Sul fianco destro, nella parete superiore, tramite un'apertura artificiale, si accede in una comoda caverna, alta in media 4m e lunga altrettanto, che porta sull'orlo di un pozzo. Dopo 9,5m di discesa si raggiunge il suolo di una spaziosa caverna che in tempi passati doveva essere in comunicazione con l'esterno e questo fatto è testimoniato dalla quantità di ossa rinvenute, in parte già concrezionate, sulla china detritica. Sembra trattarsi di qualche grosso ruminante fatto precipitare nella grotta, comunque sarebbe opportuno svolgere in merito delle ricerche più accurate. Nella parte terminale di questa caverna, effettuando un'arrampicata di 6m, si arriva in una grande nicchia abbellita da vistose formazioni stalattitiche dalla quale la grotta prosegue con un cunicolo discendente ed un successivo pozzetto di 9m, comunicante con una graziosa cavernetta. Il pozzo prosegue inclinato e si restringe assumendo una forma elicoidale. Nel punto focale del restringimento si trova un passaggio angusto che comunica con un ulteriore pozzetto di 4m che sfocia in un'altra caverna, di forma allungata e ricca di stalattiti, colate e qualche esile stalagmite.
In una vaschetta asciutta si sono trovate belle pisoliti della grandezza di una noce. La cavità prosegue con un pozzo, accidentato, profondo 7m, che termina sul fondo detritico, in forte pendenza, di un'altra caverna lunga una decina di metri, alta 3m e larga 2m, la quale costituisce la parte terminale della cavità. La volta tende ad abbassarsi, fino ad immergersi sotto il manto delle argille di fondo precludendo ogni avanzamento.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 05-04-1980
Foto
Data dello scatto: 03-03-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Non specificato

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Descrizione inquadratura: grotta con la targhetta metallica
Data dello scatto: 03-03-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Non specificato

Gruppo di appartenenza: GSSG - Gruppo Speleologico S. Giusto

Data dello scatto: 01-09-2006

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Grillo Barbara

Gruppo di appartenenza: RIP.REG. - Riposizionamento Regionale