Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1177 - Grotta presso la Caverna dei Ciclami

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso la Caverna dei Ciclami
Nome principale sloveno
Numero catasto 1177
Numero catasto storico 4091VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062175,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427817,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 24,4237" (45,70678437)
Longitudine WGS-84 13° 48' 56,3826" (13,81566184)
Latitudine UTM WGS-84 5062152,1
Longitudine UTM WGS-84 407810,9
Quota ingresso 315
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11.3
Autore posizione Tognolli Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12.5
Dislivello totale 12.5
Quota fondo 302.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre con un ingresso strettissimo sul fianco Est di una vasta dolina, attorno alla quale curva il sentiero N. 43 (Villa Opicina-Monte Orsario-Monrupino).
Descrizione dei vani interni della cavità Un piccolo salto ed uno scivolo terroso portano sull'orlo di un pozzo dalle pareti coperte di concrezioni aghiformi, il quale scende in una piccola sala dal suolo argilloso, riccamente adorna di panneggi calcitici ed alte colonne.
Nel banco di argilla rossa che occupa il fondo della cavità e parzialmente inglobate nelle concrezioni sono state rinvenute molte ossa (femori, tibie e cranii) di orso speleo, lupo, iena e lince.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-11-1962