Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1170 - Pozzo Gorizia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo Gorizia
Nome principale sloveno
Numero catasto 1170
Numero catasto storico 4115VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Doberdò del Lago
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088113 - Cippo Corridoni
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5080042,9
Longitudine Gauss-Boaga 2406600,4
Latitudine WGS-84 45° 51' 51,8597" (45,86440546)
Longitudine WGS-84 13° 32' 20,3666" (13,53899071)
Latitudine UTM WGS-84 5080020,0
Longitudine UTM WGS-84 386595,0
Quota ingresso 97
Data esecuzione posizione 13-03-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Autore posizione Turus Walter
Gruppo appartenenza GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 56
Dislivello totale 56
Quota fondo 41
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Partendo dal paese di Marcottini si prende la strada che porta a Polazzo; al primo bivio, che si trova a circa 600m fuori dal paese, si imbocca la carrareccia a destra e poi al secondo bivio si deve seguire nuovamente il sentiero a destra; percorsi circa 500m si incontrano dei prati: l'ingresso della cavità si apre in una dolina incolta ad un centinaio di metri di distanza.
Descrizione dei vani interni della cavità Lungo i primi tre pozzi, separati da uno scivolo e da ripiani detritici, si notano folti gruppi di stalattiti sulle volte che si elevano a camino, mentre le pareti sono ornate da alcune stalagmiti. Negli ultimi due salti, che si trovano in prossimità della verticale che passa dal centro della dolina, percola l'acqua e le pareti sono corrose e ricoperte da una patina di fango.
Dopo l'esplorazione l'ingresso del pozzo è stato nuovamente ostruito.

l'ingresso del pozzo d'accesso ha il diametro di 30cm; sul versante Sud si apre una fessura alta 1m e larga 30cm che mette in comunicazione con il secondo pozzo, nel quale si scende per circa 4m fino a raggiungere un piano inclinato di circa 40°, composto da fango e pietre, che forma il pavimento del pozzo. Al termine del piano inclinato scende un pozzo dalla sezione quasi cilindrica, il quale mette in comunicazione con una stanza. Si scendono ancora 15m fino ad un piccolo ripiano detritico (può ospitare al massimo due persone). Già a metà della discesa (continua).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-07-1962
Foto
Data dello scatto: 13-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Turus Walter

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Data dello scatto: 13-03-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Turus Walter

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Data dello scatto: 13-03-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Turus Walter

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli