Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1056 - Grotta della Campana

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Campana
Nome principale sloveno
Numero catasto 1056
Numero catasto storico 3927VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5066989,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419773,0
Latitudine WGS-84 45° 44' 56,3487" (45,74898576)
Longitudine WGS-84 13° 42' 40,8748" (13,7113541)
Latitudine UTM WGS-84 5066966,2
Longitudine UTM WGS-84 399767,1
Quota ingresso 237
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 21.5
Dislivello totale 21.5
Quota fondo 215.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso A SE della collina presso la Grotta Azzurra (34/257VG) vi è un'altura meno rilevata e più piatta, culminante nella quota 251, i cui fianchi sono rivestiti da vasti e tormentati da macereti che digradano lentamente verso l'abitato di Bristie. In una depressione presso uno di questi campi solcati, dopo un lungo scavo, è stato aperto l'ingresso di questa cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Al primo salto ne seguono altri due, l'ultimo dei quali è alquanto concrezionato e porta sul fondo argilloso e in leggero declivio. Qui venne rinvenuta, semiaffondata nel fango e coperta da uno strato di ossido, una campana di rame di circa 10cm.
Da un sopralluogo effettuato nel 1981 risulta che l'accesso alla cavità è interdetto, a circa 3m di profondità, da un accumulo di detriti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-09-1959