Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1021 - Grotta 1° a SW di Montefosca

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1° a SW di Montefosca
Nome principale sloveno
Numero catasto 1021
Numero catasto storico 443FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Pulfero
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067024 - Montefosca
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5116436,7
Longitudine Gauss-Boaga 2399081,8
Latitudine WGS-84 46° 11' 26" (46,19055556)
Longitudine WGS-84 13° 25' 58,6" (13,43294444)
Latitudine UTM WGS-84 5116413,4
Longitudine UTM WGS-84 379077,1
Quota ingresso 684
Data esecuzione posizione 01-04-2012
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3m x 4m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Tavagnutti Maurizio
Gruppo appartenenza CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 131
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo 9
Dislivello negativo
Dislivello totale 9
Quota fondo 684
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dalla strada asfaltata che porta a Montefosca, circa 1Km prima di entrare in paese, si scende sulla destra, lungo un ripido versante, in corrispondenza di due profondi canaloni paralleli (molto evidenti anche sulla carta topografica al 25.000 del I.G.M.). Ad una trentina di metri dal fondo valle, nel mezzo del primo canalone, si apre l'ingresso della grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una cavità d'interstrato molto interessante. Dall'ingresso piuttosto ampio la grotta prosegue restringendosi gradatamente; a circa 12m si incontra una prima strettoia che in caso di forti piogge viene occupata da un laghetto temporaneo. A 30m dall'ingresso, superata una seconda strettoia, si prosegue strisciando per altri 10m circa e quindi la cavità inizia ad allargarsi e nella sua parte centrale infatti è possibile camminare comodamente in piedi. Sul fondo la cavità si biforca lasciando intravedere possibili prosecuzioni.
La grotta è percorsa in tutta la sua lunghezza da un modesto corso d'acqua che però durante periodi intensamente piovosi si ingrossa, diventando quindi molto pericoloso.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-06-1982
Foto
Data dello scatto: 01-04-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 01-04-2012

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 01-04-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 01-04-2012

Tipo inquadratura: Interno

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Descrizione inquadratura: ingresso visto dall'interno