Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1019 - Voragine del Rio Costaverde

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine del Rio Costaverde
Nome principale sloveno
Numero catasto 1019
Numero catasto storico 431FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Torreano
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067051 - Prestento
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5110713,0
Longitudine Gauss-Boaga 2397585,0
Latitudine WGS-84 46° 8' 19,6619" (46,13879498)
Longitudine WGS-84 13° 24' 54,1218" (13,41503382)
Latitudine UTM WGS-84 5110689,8
Longitudine UTM WGS-84 377580,2
Quota ingresso 490
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 33
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 70
Dislivello totale 70
Quota fondo 420
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Lasciata la strada che risale la valle del Torrente Chiaro di Prestento, si prende il sentiero che costeggia il Rio Costaverde, finchè questo tende ad alzarsi dal fondo. Qui si lascia il sentiero per risalire il rio, tenendosi sempre vicini al letto, finchè la piega della montagna, sempre più incisa, s'incassa decisamente. La cavità si apre una ventina di metri sulla destra, al termine di un breve pendio boscoso, sotto alcune rocce.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è costituita da due pozzi. Il primo, di ampie dimensioni, ha il fondo ricoperto di massi, mentre il secondo, un po' più stretto del precedente, ha talvolta (agosto 1956, marzo 1959) il pavimento ricoperto di acqua. La parte finale della grotta è costituita da un cunicolo impraticabile, collettore dell'acqua durante periodi piovosi.
Nella grotta sono stati catturati alcuni esemplari di Coleotteri.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-03-1959