Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 1018 - Pozzo del Muschio

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo del Muschio
Nome principale sloveno
Numero catasto 1018
Numero catasto storico 4058VG
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062708,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428564,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 42,0468" (45,71167967)
Longitudine WGS-84 13° 49' 30,561" (13,82515584)
Latitudine UTM WGS-84 5062685,1
Longitudine UTM WGS-84 408557,9
Quota ingresso 370
Data esecuzione posizione 23-03-1959
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Autore posizione Divo Vinicio
Gruppo appartenenza GGCD - Gruppo Grotte Carlo Debeljak
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 27
Dislivello totale 27
Quota fondo 343
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Sul pendio che digrada verso la Strada Statale N.58 del Monte Orsario sprofondano due grandi doline, vicinissime tra loro: il pozzo si apre sul limitato dosso che le divide, nascosto tra massi e rocce.
Descrizione dei vani interni della cavità Dopo un ripiano a forma di conca il pozzo continua in un vano dalle pareti levigate, il quale va allargandosi progressivamente. Sul fondo si apre un pozzetto di tre metri che risulta impraticabile.
Nel 1988 ad alcuni metri dallo stretto ingresso della cavità furono individuati alcuni interstizi nella roccia calcarea, dai quali usciva un notevole volume d'aria e con un lavoro di scavo è stato aperto il secondo ingresso che porta direttamente sul fondo della grotta.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 23-04-1988