Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 101 - Abisso fra Fernetti e Orle

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso fra Fernetti e Orle
Nome principale sloveno
Numero catasto 101
Numero catasto storico 157VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5060610,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428501,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 34,051" (45,69279194)
Longitudine WGS-84 13° 49' 29,0707" (13,82474185)
Latitudine UTM WGS-84 5060587,1
Longitudine UTM WGS-84 408494,9
Quota ingresso 324
Data esecuzione posizione 31-12-2000
Affidabilità posizione 2° gruppo riposizionamento regionale GPS (2000)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 10m x 5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 62
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 23
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 64
Dislivello totale 64
Quota fondo 260
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Seguendo per 400m la ferrovia che dal sottopassaggio di Fernetti porta verso Trebiciano, a 20m sulla destra, in una dolina probabilmente di crollo, si apre la grotta 157 VG.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pittoresco ingresso si apre al fondo di una dolina dirupata presso la linea ferroviaria per Lubiana, ed è mascherato da alberi e fitta vegetazione.
Scendendo dal lato Sud si sfiora un bel ponte naturale toccando un vasto ripiano; poi, dopo una piccola nicchia, la parete diviene compatta ed uniforme, con caratteristiche lastronate levigate dall'acqua. Lungo tutto il pozzo gli evidenti banchi calcarei suborizzontali creano delle esili cornici che inanellano il baratro. Il fondo è poco inclinato e verso Ovest si innalza un grande camino dal quale proviene un fitto stillicidio, mentre nella parete NO si aprono alcune brevi nicchie.

NOTA: segnalata presenza di rifiuti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-01-1966
Foto
Data dello scatto: 08-05-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Restaino Marco

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 08-05-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Restaino Marco

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Non specificato

Gruppo di appartenenza: RIP.REG. - Riposizionamento Regionale